home | cosa è | cooperazione | scuola diritti umani | convegno | attività | agenda | approfondimenti
, 20 giugno 2019 - cosa succede oggi?
« Torna indietro
APPROFONDIMENTI
12 ottobre 2007
Comunicato sulla situazione attuale dei governi federale e statale del Chiapas
La Commissione Sesta dell’EZLN ratifica la sua partecipazione all’Incontro dei Popoli Indigeni, in Vicam, però sospende la seconda parte del giro con l’altra campagna nel centro e nel sud del paese
Comando Generale dell’EZLN Enlace Zapatista

24 settembre 2007
COMUNICATO DEL COMITATO CLANDESTINO RIVOLUZIONARIO INDIGENO

COMANDO GENERALE DELL’ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE

*MESSICO 2 SETTEMBRE 2007*

* *

*AL POPOLO DEL MESSICO
AGLI/ALLE ADERENTI ALLA SESTA DICHIARAZIONE ED ALL’ALTRA CAMPAGNA*

SORELLE E FRATELLI
COMPAGNI E COMPAGNE

L’EZLN VI COMUNICA LE SEGUENTI RIFLESSIONI E LE DECISIONI PRESE.

*I – RIFLESSION*I


CHIAPAS

IN QUESTO MOMENTO, I GOVERNI STATALE DEL CHIAPAS E FEDERALE (RISPETTIVAMENTE DEL PRD-PRI E DEL PAN) PORTANO AVANTI UNA CAMPAGNA CONTRO LE COMUNITÀ ZAPATISTE. SGOMBERI “UFFICIALI”, ATTACCHI DI PARAMILITARI, INVASIONI PATROCINATE DA FUNZIONARI, PERSECUZIONI E MINACCE TORNANO A FAR PARTE DEL PANORAMA DELLE COMUNITÀ INDIGENE, QUELLE ZAPATISTE, CHE SI SONO IMPEGNATE NELLA COSTRUZIONE DI UN PROPRIO FUTURO E NEL MIGLIORAMENTO DELLE LORO CONDIZIONI DI VITA, SEMPRE SENZA PERDERE DI VISTA LA LORO IDENTITÀ INDIGENA.

COME AI BRUTTI TEMPI DEL PRI, QUELLI DI ABSALÓN CASTELLANOS E DEL “CROCCHETTE” ALBORES GUILLÉN, IL GOVERNO PERREDISTA DEL CHIAPAS ATTACCA IL POVERO ED IL BISOGNOSO E CORTEGGIA E SERVE IL POTENTE. COME UN QUALSIASI GOVERNO DI DESTRA, QUELLO DI JUAN SABINES IN CHIAPAS PROSEGUE CON LA REPRESSIONE E L’ESPROPRIO, MA ORA SOTTO LA BANDIERA DELLA SINISTRA ED IL DOPPIO AVALLO DELLE DUE “PRESIDENZE” CHE SUBISCE IL NOSTRO PAESE: QUELLA DI FELIPE CALDERÓN (DEL PAN) E QUELLA DI ANDRÉS MANUEL LÓPEZ OBRADOR (DEL PRD E, SOPRATTUTTO, DI SE STESSO).

DIVERSAMENTE DA ALTRE OCCASIONI, QUESTE AGGRESSIONI HANNO POTUTO CONTARE SUL SILENZIO DI VOCI CHE PRIMA SI SOLLEVAVANO PER PROTESTARE E CHIEDERE GIUSTIZIA, E CHE ORA TACCIONO, FORSE PERCHÉ NON SI RICORDI CHE HANNO APPLAUDITO L’APPOGGIO DI AMLO A JUAN SABINES ED IL SUO RECENTE APPELLO AD APPOGGIARE I CANDIDATI DEL PRD PER LE PRESIDENZE MUNICIPALI E PER IL CONGRESSO LOCALE.

SI REALIZZA COSÌ QUELLO CHE, DA 3 ANNI, STIAMO DICENDO: LASSÙ NON CI SONO NÉ PRINCIPI NÉ CONVINZIONI ED INVECE CI SONO AMBIZIONI E CONVENIENZE. E SI REALIZZA QUELLO CHE ABBIAMO DENUNCIATO: LA SINISTRA ISTITUZIONALE NON È CHE UNA DESTRA VERGOGNOSA, UNA DESTRA CON ILLUSTRI AVALLI.

UNO STESSO CRIMINE HA UN GIUDIZIO DIFFERENTE: SE LE REPRESSIONI LE FA IL PAN, ALLORA BISOGNA MOBILITARSI E FERMARE IL FASCISMO; SE LE FANNO LORO DEL PRD, ALLORA BISOGNA CANCELLARE LA MEMORIA, TACERE, FAR GIOCHI DI PRESTIGIO RIDICOLI, O APPLAUDIRE. IN CHIAPAS C’È UN AUTENTICO SALTO ALL’INDIETRO NELLA POLITICA DI GOVERNO, CHE NON SI NASCONDE DIETRO LO SCUDO DELLA DESTRA CONFESSIONALE, MA DIETRO A QUELLO DELLA SINISTRA “MODERNA” E “LEGITTIMA”.

NOI FAREMO QUELLO CHE SAPPIAMO FARE: RESISTERE. NON IMPORTA SE SIAMO SOLI. NON È LA PRIMA VOLTA E, PRIMA CHE CI TRASFORMASSIMO IN UNA MODA DA CAFFÉ, LO SIAMO GIÀ STATI.


MESSICO

MOLTI SONO GLI ASPETTI SUI QUALI SI DEVE RIFLETTERE, PENSARE E PRENDERE UNA POSIZIONE. CIÒ AVVERRÀ IN ALTRO LUOGO E IN ALTRI MODI. PER ADESSO DICIAMO SOLO CHE IL PUNTO PIÙ DETERMINANTE PER IL NOSTRO PAESE NON STA NELLA PRESUNTA “NEO INDIPENDENZA” DEL POTERE LEGISLATIVO RISPETTO AI MEZZI DI COMUNICAZIONE. LASSÙ IN ALTO LA POLITICA È L’ARTE DELLA SIMULAZIONE E DELLE AGENDE REALI DEL CRIMINE ORGANIZZATO (CIOÈ DEI GOVERNANTI), CHE NON SONO ENUNCIATE NELLE DICHIARAZIONI DEI POLITICI.

ORA QUELLO CHE VOGLIAMO DIRE, HA A CHE VEDERE CON IL DOPPIO SFORZO, CIVILE E PACIFICO, NEL QUALE SIAMO IMPEGNATI ATTUALMENTE COME ZAPATISTI: L’INCONTRO DEI POPOLI INDIOS D’AMERICA E L’ALTRA CAMPAGNA.

IL PRIMO RAPPRESENTA UN AVVENIMENTO SENZA PRECEDENTI. FUORI DAI CIRCOLI UFFICIALI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI, DELEGATI E RAPPRESENTANTI DEI POPOLI ORIGINARI DEL CONTINENTE AMERICANO SI TROVERANNO PER CONOSCERSI DIRETTAMENTE, PER VEDERSI ED ASCOLTARSI. CIOÈ PER INCOMINCIARE A RISPETTARSI. CHE L’INCONTRO SI REALIZZI NELL’ASSEDIATO TERRITORIO DELLA TRIBÙ YAQUI, NELLO STATO MESSICANO DI SONORA, SIMBOLIZZA LA NOSTRA LOTTA PERMANENTE PER RENDERCI VISIBILI E DARCI DA NOI STESSI LA VOCE E L’ASCOLTO CHE DALL’ALTO CI NEGANO.

I GIORNI 11, 12, 13 E 14 DI OTTOBRE, IN VICAM, SONORA, MESSICO, SAREMO PRESENTI FRA I POPOLI INDIOS: AL NOSTRO SANGUE MORENO, ABBIAMO AGGIUNTO IL COLORE ZAPATISTA.

PER QUANTO RIGUARDA L’ALTRA CAMPAGNA, QUESTA RAPPRESENTA PER NOI L’UNICO SFORZO SERIO PER COSTRUIRE UN MOVIMENTO NAZIONALE DAL BASSO E A SINISTRA.

È STRANO CHE QUELLI/E CHE PRIMA AVEVANO CRITICATO QUESTO SFORZO, USINO ORA LE STESSE PAROLE CHE USIAMO NOI PER RIFERIRSI ALLA CLASSE POLITICA, ALLA NECESSITÀ DI ASCOLTARE E DI ORGANIZZARE DAL BASSO.

COME SEGNALE DEL NOSTRO IMPEGNO CON COLORO CHE ORA SONO LE NOSTRE COMPAGNE ED I NOSTRI COMPAGNI, OLTRE AD ORGANIZZARE INCONTRI NEL NOSTRO TERRITORIO AFFINCHÉ CI CONOSCIAMO DI PIÙ, REGOLARMENTE UNA O VARIE DELEGAZIONI DELL’EZLN VIAGGIANO E VISITANO I LUOGHI DOVE SI LOTTA, PER CONOSCERLI DI PIÙ.

È STATO COSÌ CHE ABBIAMO EFFETTUATO UN PRIMO PERCORSO PER TUTTO IL NOSTRO PAESE ED ORA, CHE STIAMO FACENDO UNA BOZZA DI UN PROGRAMMA NAZIONALE DI LOTTA, NELLA QUALE CI SIANO IL SENTIMENTO ED IL PENSIERO DI COLORO CHE FANNO PARTE CON NOI DELL’ALTRA CAMPAGNA, ABBIAMO REALIZZATO UNA SECONDA VISITA NEL NORD DEL MESSICO.

COME ABBIAMO FATTO IN ALTRE OCCASIONI, OGNI VOLTA CHE SIAMO PARTITI DAL NOSTRO TERRITORIO PER VISITARE ALTRI POSTI DELLA NOSTRA PATRIA, L’EZLN SI È RIVOLTO ALLE ORGANIZZAZIONI POLITICO-MILITARI ESISTENTI PER CHIEDER LORO, RISPETTOSAMENTE, DI NON REALIZZARE AZIONI CHE POSSANO METTERE IN PERICOLO LA VITA E LA LIBERTÀ DEI NOSTRI DELEGATI E DELLE NOSTRE DELEGATE NEL LORO LAVORO CIVILE E PACIFICO.

ABBIAMO SEMPRE RICEVUTO L’ATTENZIONE ED IL RISPETTO DELLE ORGANIZZAZIONI RIVOLUZIONARIE ED IN QUALCHE OCCASIONE LE NOSTRE INIZIATIVE POLITICHE HANNO CONTATO SULLA LORO SIMPATIA.

SONO ORGANIZZAZIONI CON LE QUALI MANTENIAMO DIFFERENZE DI CONCEZIONE, DI STRUTTURA, DI METODO, DI ANALISI, DI STORIA, MA CHE RICONOSCIAMO E RISPETTIAMO. LA LORO ESISTENZA E PERSISTENZA, COME LA NOSTRA, SI DEVE ALLE GRAVI CONDIZIONI DI VITA IN CUI VERSA IL NOSTRO POPOLO ED ALLA MANCANZA DI SPAZI PER LA PARTECIPAZIONE E LA LOTTA POLITICA. ATTUALMENTE, UNA DI QUESTE ORGANIZZAZIONI RIVOLUZIONARIE, QUELLA DELL’ESERCITO POPOLARE RIVOLUZIONARIO (EPR – IN SIGLA), SOSTIENE UNA CAMPAGNA POLITICO-MILITARE PER ESIGERE LA PRESENTAZIONE IN VITA DI DUE DEI SUOI COMPAGNI DI LOTTA.

LA RICHIESTA DI PRESENTAZIONE DI QUESTI DESAPARECIDOS NON SOLO È LEGITTIMA, MA È ANCHE UNA DENUNCIA DELLA GUERRA SPORCA CHE L’AMOROSO AMANTE DELL’UNIFORME MILITARE, FELIPE CALDERÓN HINOJOSA, STA RIEDITANDO.

COME ZAPATISTI PENSIAMO CHE NON SI POSSA CHIEDERE ALL’ESERCITO POPOLARE RIVOLUZIONARIO CHE, PER PERMETTERE ALLA NOSTRA DELEGAZIONE DI PERCORRERE I TERRITORI DOVE È PRESENTE O INFLUENTE, DICHIARI UNA TREGUA E/O SOSPENDA LA CAMPAGNA IN CORSO PER LA GIUSTA E LEGITTIMA RICHIESTA DI PRESENTAZIONE DEI SUOI DESAPARECIDOS.

D’ALTRA PARTE. LA NERVOSA STUPIDITÀ DI CUI PATISCONO GLI ADDETTI ALLA REPRESSIONE UFFICIALE, SI È ACUTIZZATA PER LE RECENTI AZIONI DELL’EPR E QUINDI SI POTREBBE PENSARE CHE, ANCHE SE LA DIREZIONE DELL’ESERCITO POPOLARE RIVOLUZIONARIO. GENEROSAMENTE, ACCEDESSE AD UNA TREGUA AFFINCHÉ LA NOSTRA DELEGAZIONE POSSA COMPIERE IL SUO LAVORO, IL GOVERNO CASTRENSE DI FELIPE CALDERÓN POTREBBE MONTARE UN ATTENTATO E DOPO PRETENDERE DI AGGIUDICARNE LA PATERNITÀ ALL’EPR ARGOMENTANDO DISPUTE INESISTENTI.

È DA POCO CHE UN FUNZIONARIO GOVERNATIVO HA DETTO CHE LE SPARIZIONI DENUNCIATE DALL’EPR NON SONO STATE OPERATE DAL GOVERNO, MA DA UN’ALTRA ORGANIZZAZIONE RIVOLUZIONARIA, ANCHE SE È NOTO A TUTTI CHE È IL GOVERNO CHE LI HA ARRESTATI E LI TRATTIENE E, PERTANTO, È IL GOVERNO CHE DEVE PRESENTARLI IN VITA.

*II - DECISIONI*

COMPAGNE E COMPAGNI

PER TUTTI QUESTI MOTIVI CHE ABBIAMO CERCATO DI SINTETIZZARE NELLA MISURA DEL POSSIBILE, ABBIAMO DECISO QUANTO SEGUE:

*PRIMO* – LA COMMISSIONE SESTA DELL’EZLN SOSPENDE IL GIRO DELLA SECONDA TAPPA DELL’ALTRA CAMPAGNA CHE ERA STATO ANNUNCIATO NEGLI STATI E REGIONI DEL CENTRO E DEL SUD DEL PAESE NEI MESI DI OTTOBRE, NOVEMBRE E DICEMBRE 2007, ED AL SUO POSTO REALIZZERÀ AZIONI CIVILI E PACIFICHE IN DIFESA DELLE COMUNITÀ ZAPATISTE.

*SECONDO* – L’EZLN RISPETTERÀ L’IMPEGNO PRESO, COME MEMBRO DELLA COMMISSIONE ORGANIZZATRICE, PER LA REALIZZAZIONE DELL’INCONTRO DEI POPOLI INDIOS D’AMERICA. UNA DELEGAZIONE DELLA DIREZIONE ZAPATISTA VIAGGERÀ ESPRESSAMENTE PER ESSERE PRESENTE NEL TERRITORIO DELLA TRIBÙ YAQUI, IN VICAM, SONORA, MESSICO, NEI GIORNI 11, 12, 13 E 14 OTTOBRE, PER PARTECIPARE A QUELLA IMPORTANTE RIUNIONE, CHIAVE PER LA LOTTA FUTURA DEI POPOLI ORIGINARI DEL NOSTRO CONTINENTE.

*
LIBERTÀ E GIUSTIZIA PER ATENCO!
LIBERTÀ E GIUSTIZIA PER OAXACA!
Per il Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno-Comando Generale dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale
Commissione Sesta dell’EZLN
Dalle montagne del Sudest Messicano
/Subcomandante Insurgente Marcos/

*


(traduzione del Comitato Chiapas di Torino )

 


aggiornato il 12/10/2007 alle ore 08:16 - Link Permanente
Coordinamento Comasco per la Pace - Via Trieste 1 - 22073 Fino Mornasco - COMO
Tel. 031.927644 - Fax. 031.3540032 - email: info@comopace.org web: http://www.comopace.org/