home | cosa è | cooperazione | scuola diritti umani | convegno | attività | agenda | approfondimenti
, 19 settembre 2019 - cosa succede oggi?
« Torna indietro
APPROFONDIMENTI
22 ottobre 2007
stile di vita
messaggio per gli studenti che parteciperanno al prossimo convegno
ALESSANDRO DELCARO
approfitto di questa occasione nel convegno del coordinamento, per mandare un saluto a tutti, ma sopratutto per fare un invito ai giovani studenti che stanno partecipando e che sono ben contenti di essersi evitati un intera mattinata chiusi in una classe.
il tema di quest'anno come sapete e'sugli stili di vitae provero a fare questo invito, perlando attaverso un esperienza che alcuni ragazzi hanno avuto la possibilita di fare a 10000 km da dove vi trovate,nel continente americano e in particolare tra le comunita' indigene in resistenzia nello stato di chiapas ne sureste messicano, e dall'incontro con tutti i popoli indigeni d'america avvenuta a meta' di ottobre nel deserto del sonora.

il modo di vivere in italia sopratutto tra i ragazzi, negli ultimi anni e' cambiato molto,quello che prima nn esisteva come il cellulare ora e' diventata o meglio l'hanno fatta diventare un bisogno, di vitale importanza, tanto che nn resiste un minuto senza guardare se sono arrivati messagi,questo e' solo un esmpio stupido ma se ne potrebbero fare a centinaia di questi bisogni imposti che stanno influenzando il nostro stile di vita, ci rendono tutto cosi comodoche smettiamo di preoccuparci delle vere necessita, come casa,terra,lavoro e pace;perche tanto i giovani in talia come i giovani in america latina non tengono nessuna di queste cose, ovviamente la situazione in meso-america e' differente da quella italiana, le multinazionali hanno piu liberta di manovra,e usano i governi per i loro interessi violentando,uccidendo e sfruttando i popoli indigeni da 515 anni, attraverso il sistema capitalista e neoliberista.
con mezzi e misure differenti sta passando la stessa cosa in italia, nn abbiamo lavoro,la terra e' vista come un mezzo di produzione e quasi la maggirparte della popolazione nn puo permettersi una casa e una famiglia, e la pace e' un'altra cosa che ci manca;
la pace nn vuol dire assenza di guerra,ed ora in questo momento siamo in una situazione di guerra o usando le parole del subcomandante insurgente marcos del'ezln "siamo nella quarta guerra mondiale",combattuta dal capitalee dalle multinazionali contro l'umanita'.
una guerra che molti nn vedono ma che arriva a incidere sempre piu lo stile di vita, a condizionarci a comprare e a consumare facendo diventare la moneta piu importante dell'uomo.
questo condizionamento, nn influisce solo su di noi che nn ne subiamo le conseguenze dirette di questo cambio, che incide in maniera criminale su quello che i potenti in base alla loro visione di uomini di mercato,chiamano il terzo mondo. ed e' su questi popoli esseri umani come noi che stanno pagando il prezzo di questa guerra, e stanno pagando per garantire a noi cosi detti civilizzati questo stile di vita, che nessuno puo permettersi ne chi vive in ocidente ne chi vive in qualsiasi altro luogo del mondo, ma sopratutto la terra, il nostro pianeta,la natura,la vita o come la chiamano qui, la madre terra, nn puo resistere a tutto questo,a questo tipo di societa monetocentrica,a questa guerra del denaro contro la natura,. e dobbiamo tentare di cambiare e vincere questa guerra,la 4 guerra mondiale.
molti si chiederranno come fare?
nn lo so, quello che so e' che la societa in cui noi viviamo e' il riflesso delle nostre scelte politiche, economiche e socilai e cominciando a cambiare queste scelte e il nostro stile di vita possiamo fare la differeanza.
il mio invito per tutti coloro che nn si sono addormentati, e' quello di aiutarci a combattere contro questo male,aiutandoci a fare tutto il possibile per il nostro bene.

un abbraccio a tutti alunni eprofessori
16 ottobre 2007,
territorio degli odon othan, deserto del sonora,mexico

un saluto alessandro

aggiornato il 22/10/2007 alle ore 15:24 - Link Permanente
Coordinamento Comasco per la Pace - Via Trieste 1 - 22073 Fino Mornasco - COMO
Tel. 031.927644 - Fax. 031.3540032 - email: info@comopace.org web: http://www.comopace.org/